Festa di tutti i Santi

Una forma moderna di santità

Nella prima lettura è riportata una grande scena simbolica che rappresenta l’assemblea dei credenti gli ultimi tempi di cui la Chiesa è simbolo e anticipazione. In essa lo zoccolo duro è rappresentato dai giudei che hanno creduto in Cristo. Ad essi si uniscono i credenti provenienti da tutte le nazioni della terra. Essi vengono dalla grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti, rendendole candide nel sangue dell’Agnello. Si tratta dei martiri, morti per la fede in Cristo. In quei tempi si era perseguitati a motivo della propria religione. Ma oggi appare chiaro che le persecuzioni più violente si scatenano quando uno affronta i problemi economici e politici alla ricerca non del proprio tornaconto, ma del bene di tutti. Nel saper essere coerenti con la propria scelta di vita sta oggi il vero martirio.

Nel vangelo si leggono le beatitudini, con le quali si apre il discorso della Montagna. È un testo sconvolgente perché afferma che la vera felicità non viene dal possesso delle cose materiali ma dalla capacità di condividere ciò che si possiede impegnandosi per la giustizia e la pace in tutto il mondo, pur con tutte le sue ambiguità e contraddizioni. Oggi c’è un bisogno fortissimo di persone che sappiano fare la scelta delle beatitudini. Essere santi non vuol dire eseguire dei riti o obbedire a particolari regole di vita. A ciascuno, e non solo ai suoi discepoli, Gesù richiede di seguirlo in mezzo a un mondo che segue tutt’altre vie, con lo scopo di dare culto a Dio facendo sì che i valori del vangelo entrino nella vita della società e la trasformino nel suo intimo.

Nella seconda lettura l’autore della lettera di Giovanni spiega che già fin d’ora noi siamo figli di Dio. E soggiunge che il mondo non ci conosce perché non ha conosciuto lui. Se noi entriamo veramente nella logica del vangelo non possiamo pensare di essere riconosciuti da questo mondo. Ma siamo riconosciuti da Dio perché abbiamo dato un senso alla nostra vita.

La santità non consiste nel difendere un’istituzione, i suoi dogmi e la sua morale. Dai cristiani ci si aspetta una testimonianza vissuta all’amore di Dio per tutta l’umanità, mediante la ricerca del bene di tutti, a cominciare dai più poveri e diseredati.