Tag: parusia

Tempo Natalizio – Natale

Un povero Figlio di Dio

A Natale ci viene incontro un bambino provato dalla povertà e dalla sofferenza. Ogni anno torna fra noi. Che cosa avrà mai da dirci? Secondo i ricordi dei primi cristiani è nato in una grotta, senza nessuna precauzione sanitaria, deposto in una mangiatoia, tra gli animali. Gli unici che gli fanno visita sono dei pastori, gli ultimi di quella società. In seguito verranno i magi, ma se ne andranno in fretta senza mutare la situazione. Come dire, in termini attuali, che è nato in un angolo oscuro della stazione centrale di Milano, visitato solo da un gruppo di senzatetto. Ma al tempo stesso le tradizioni si sprecano per esaltare la sua grandezza: è un re, è il messia atteso da Israele, è il figlio di Dio venuto in questo mondo, è il salvatore dell’umanità. 

Ma quale salvezza? Quella salvezza che il bambino, diventato adulto, chiamava «regno di Dio». La descrive in termini entusiasti la prima lettura della messa di mezzanotte: gioia, abbondanza per tutti, liberazione dal giogo dell’oppressore, l’eliminazione della guerra per sempre. In termini attuali potremmo parlare di eliminazione del predominio del potere economico, equità nella distribuzione dei beni, sconfitta delle mafie, vittoria sulla corruzione, pratica della non violenza. Chi non desidererebbe un mondo così? Hanno ragione i giovani che scendono in piazza per esigere dai governi che lo attuino almeno in parte. Ma dobbiamo riconoscere che questo mondo nuovo nessuno può realizzarlo. Certo non i politici. Ma neppure Dio o il Salvatore da lui inviato. Perché? Perché si tratta di qualcosa che avverrà solo alla fine dei tempi, cioè, in termini nostri, perché si tratta di un sogno. Un mondo del genere non possiamo far altro che sognarlo. In altre parole si tratta di un ideale a cui tendere. Ma come tutti gli ideali, è proprio a questo mondo che dobbiamo ispirare le nostre scelte quotidiane, se vogliamo essere salvi.

I testi che sono stati scelti come seconda lettura ci esortano a prendere coscienza del mistero contenuto nella nascita di Gesù e a metterci sulla sua lunghezza d’onda. Mi ha colpito soprattutto quello della messa di mezzanotte: è apparsa la grazia di Dio che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, giustizia e pietà, nell’attesa del ritorno del Signore. È un programma di vita, un modo per vivere già oggi nel mondo nuovo sognato da Gesù. Tocca a noi. Nessun potere umano può darci quello che desideriamo o toglierci la possibilità di realizzarlo.

Da venti secoli noi adoriamo Gesù come il Dio incarnato. Ma l’abbiamo messo in cielo, l’abbiamo perso di vista. Oggi, in questo periodo di crisi, scende nuovamente in terra per dirci che forse abbiamo sbagliato strada. Che tutti i beni di consumo di cui ci siamo riempiti non possono saziarci. Che la loro perdita è forse la più grande opportunità che abbiamo per cominciare a considerare i veri valori della vita. Tutto il resto viene di conseguenza

Avvento A – 3. Domenica

I segni del Regno

Le letture di questa domenica affrontano il tema dei gesti straordinari compiuti da Gesù durante il suo ministero.  Nella prima di esse, pur essendo presa dalla prima parte del libro di Isaia, si parla già del ritorno dei giudei dall’esilio babilonese. Per gli esuli è stata questa una svolta epocale. Si trattava di rifare il tessuto sociale deteriorato da decenni di isolamento e di sofferenza. Le varie malattie che vengono sanate, come la sordità, la mancanza della parola, l’incapacità di camminare, la fiacchezza, sono metafore per indicare la mancanza di speranza, l’assenza di una prospettiva comune, il prevalere dell’egoismo personale. Tutti si mettono in cammino verso una meta comune. Dio grantisce a questo popolo una rinascita, e questo è indicato simbolicamente da una grande strada che si apre nel deserto, tra alberi e corsi d’acqua, dove muti, sordi, zoppi corrono tutti verso una meta comune. Ma c’è anche l’accenno alla vendetta: mentre salva i suoi, Dio punisce severamente i loro oppressori.

Nel vangelo si racconta che Giovanni il Battista, dopo avere annunziato la venuta di Gesù, è caduto nell’angoscia e nel dubbio. Giovanni è ancora, come dirà Gesù stesso, un uomo dell’Antico Testamento. Egli infatti aveva preannunziato la venuta del Messia, ma pensava, secondo quanto annunziava Isaia, che egli avrebbe fatto giustizia, premiando i buoni ma castigando severamente i peccatori. E infatti Giovanni invitava tutti alla conversione per evitare il castigo imminente. Perciò il precursore, venuto a sapere che Gesù invece accoglie i peccatori e guarisce i malati, invia i suoi discepoli da lui per chiedergli: «Sei tu quello che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Ma Gesù mostra con chiarezza che il regno di Dio non viene mediante le minacce, e tanto meno mediante l’uso della violenza. Esso si attua nelle guarigioni miracolose con le quali Dio manifesta il suo amore per tutto il suo popolo. Dio non è un giudice severo ma un padre misericordioso, che esercita la sua potenza nell’attuare la riconciliazione e la fraternità. Gesù loda Giovanni come un uomo tutto d’un pezzo, un vero profeta. Ma osserva che egli è ancora immerso nel passato. Con Gesù si volta pagina e chi sa accogliere il Vangelo della misericordia di Dio è più grande di lui, anche se si tratta di una persona piccola, cioè debole e limitata. 

Nella seconda lettura l’autore dello scritto che porta il nome di Giacomo, fratello di Gesù, richiama ai suoi lettori il tema del ritorno del Signore. Egli li rassicura perché la sua venuta è certa come quella delle piogge primaverili e autunnali. E li esorta nel frattempo ad avere pazienza e a non lamentarsi gli uni degli altri: il giudizio infatti spetta al Signore, non a noi. In questa prospettiva raccomanda loro di imitare la sopportazione e la costanza dei profeti: non un atteggiamento di accettazione passiva o di protesta sterile, ma un impegno attivo per migliorare questo mondo.

L’evangelizzazione a cui sono chiamati i discepoli di Gesù non consiste nel giudicare ma nel risanare. La disoccupazione, l’impoverimento, le ingiustizie sociali non devono produrre un adattamento rassegnato e neppure una protesta sterile ma piuttosto suscitare l’impegno costante per risanare le ferite, sia quelle che ciascuno porta in sé, sia quelle che affliggono tutta la società.