Documento senza titolo
LETTURE DELLA FESTA:  Quaresima - 5a Domenica - Romano B
I LETTURA commento

Geremia 31,31-34

Ecco verranno giorni – dice il Signore – nei quali con la casa di Israele e con la casa di Giuda io concluderò una alleanza nuova. 32 Non come l'alleanza che ho conclusa con i loro padri, quando li presi per mano per farli uscire dal paese d'Egitto, una alleanza che essi hanno violato, benché io fossi loro Signore.

33
Questa sarà l'alleanza che io concluderò con la casa di Israele dopo quei giorni, dice il Signore: Porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi il mio popolo. 34 Non dovranno più istruirsi gli uni gli altri, dicendo: Riconoscete il Signore, perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande, dice il Signore; poiché io perdonerò la loro iniquità e non mi ricorderò più del loro peccato".

 

SALMO commento

Salmo 50

3 Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia;
nella tua grande bontà cancella il mio peccato.
4 Lavami da tutte le mie colpe,
mòndami dal mio peccato.

12
Rinnova in me, o Dio, uno spirito saldo.
13 Non respingermi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

14
Rendimi la gioia di essere salvato,
sostieni in me un animo generoso.
15 Insegnerò agli erranti le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.
 

 

 

II LETTURA commento

Ebrei 5,7-9

7
Cristo, nei giorni della sua vita terrena offri preghiere e suppliche con forti grida e lacrime a colui che poteva liberarlo,da morte e fu esaudito per la sua pietà; pur essendo Figlio, imparò tuttavia l'obbedienza dalle cose che patì 9 e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono.

VANGELO commento

Giovanni 12,20-33

In quel tempo, 20 tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa, c'erano anche alcuni Greci. 21 Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, e gli chiesero: "Signore, vogliamo vedere Gesù Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. 23 Gesù rispose: "È giunta l'ora che sia glorificato il Figlio dell'uomo. 24 In verità, in verità vi dico: se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto.

25
 Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. 26 Se uno mi vuol servire mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servo. Se uno mi serve, il Padre lo onorerà. 27 Ora l'anima mia è turbata; e che devo dire? Padre, salvami da quest'ora? Ma per questo sono giunto a quest'ora! 28 Padre, glorifica il tuo nome".

Venne allora una voce dal cielo: "L'ho glorificato e di nuovo lo glorificherò!".
29 La folla che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: "Un angelo gli ha parlato". 30 Rispose Gesù: "Questa voce non è venuta per me, ma per voi. 31 Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. 32Io quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me". 
  33 Questo diceva per indicare di qual morte doveva morire.

 
OMELIA
 
I VOSTRI COMMENTI ALLE LETTURE

Commento di luciano domenica 22 marzo 2015
Il Vangelo di questa domenica è di non facile interpretazione quando dice che chi ama la vita la perderà e chi la odia "in questo mondo" la conserverà per la vita eterna. Allora dobbiamo attendere gioiosamente di morire per dare frutto, come il seme sotto terra? Il Signore però ci ha messo in questo mondo perché facciamo qualcosa di buono ora su questa terra, senza odiare questa vita ma facendola fruttificare. Quando verrà il momento di morire (quando? come?) faremo il possibile per affrontare la morte in pace con Dio, con i nostri cari, col nostro prossimo, sperando di esserne capaci.
Commento di angelo 2015 sabato 21 marzo 2015
L’anima mia è turbata. Anche Gesù ha avuto paura. Paura della morte: … “con forti grida e lacrime”. Paura del fallimento. Dell’insignificanza (Morire a che scopo?) Sandro ci invita a riflettere sulle nostre paure. Oltre che dalla paura morte, noi siamo ossessionati da paure indotte dal contesto in cui viviamo: paura della povertà, del giudizio della gente, della solitudine, della malattia, della vecchiaia, … Come Gesù ha reagito alla paura? Una voce dal cielo? Che significa “L’ho glorificato”? Chi è stato glorificato: Gesù o “il nome di Dio” (“glorifica il tuo nome”)? Che significava per un ebreo che Dio glorificasse il suo nome? Quale immagine della divinità sta dietro l’ossessione della “gloria” di Dio e della “obbedienza” che rende gli uomini perfetti (seconda lettura)? Sarà questa immagine di un Dio preoccupato della propria gloria a difenderci dalle nostre paure? Quale messaggio, quale “voce dal cielo” potrà liberare noi dalle nostre paure?
Commento di luciano domenica 25 marzo 2012
E' vero, è difficile attualizzare queste letture al giorno d'oggi, per noi semplice cristiani a cui non è affidata una missione paragonabile a quella di Gesù. Non possiamo sfuggire alla morte nè sceglierla nè evitarla, non so quali frutti darà la mia morte, come fa il chicco di grano. Semmai sarà stata la mia vita ad aver dato frutto. Non sono un parigiano che si sacrifica per una causa ideale, non sono un martire della fede, posso accettare il destino che il Signore vorrà mandarmi, sperando di farlo cristianamente, questo è tutto.
Commento di Rita mercoledì 21 marzo 2012
"Quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me". Dalla croce Gesù ci attira a sè e dà un senso a quel che facciamo, anche nei momenti più bui della quotidianità, quando sembra che nulla abbia significato o dia risultati. Ci attira a sè, dà speranza ai nostri giorni e, al di là di ogni croce, ci ricorda la possibilità della resurrezione.
Commento di Sandra mercoledì 21 marzo 2012
Filippo e Andrea si mobilitano per fare sapere a Gesù che ci sono alcuni Greci che vogliono vederlo. E' bello e mi fa pensare all'atteggiamento di un cristiano adulto che non può essere che ecumenico. La risposta di Gesù è ancora una volta l'affermazione che non ci sono esclusivismi: "è giunta l'ora che sia glorificato", l'ora dello svelamento in cui anche i Greci - e tutti - lo vedranno.(?) Mi pare che siamo sempre molto autoreferenziali nell'interpretazione delle Scritture: ho sempre pensato (con derive forse moraleggianti) che il chicco di grano sia l'uomo che deve farsi piccolo, mi sembra invece di capire che il chicco di grano che muore e fa frutti per tutti sia Gesù. Che cosa significa esaudito? salvato per la pienezza della fede- la sua pietà? E noi di fronte alla morte? L'abbandono fiducioso di Gesù (dopo aver lottato) dovrebbe aiutare anche noi a leggere in quest'ottica di abbandono fiducioso tutte le sofferenze personali, le contraddizioni della storia e soprattutto tutta quella parte di incognito che ci sfugge.
Commento di angelo mercoledì 21 marzo 2012
Ritorna il giudizio “di questo mondo”: che cosa intende Gesù (o Giovanni) con “giudizio” e con “questo mondo”? Sembra una condanna: ma non ci aveva detto domenica scorsa che non era venuto per giudicare il mondo ma per salvarlo? Il mondo è cattivo? Chi è il “principe di questo mondo”? Il demonio? Il male? La paura della morte? Il turbamento, l’angoscia, che espongono Gesù al rischio di rifiutare la volontà del Padre (“offrì preghiere e suppliche con forti grida e lacrime a colui che poteva liberarlo da morte e fu esaudito”) ? In che senso "esaudito"? Come uscire da una lettura tradizionale e mitica: il demonio sconfitto dal sacrificio di Cristo che libera le anime dall’inferno, in cui il demonio stesso viene precipitato? Che significa: “gettato fuori”: fuori da dove? Dal mondo? Da noi stessi? Dalla storia umana?
 
INSERISCI IL TUO COMMENTO
   
nome  
email  
   
commento  
NEWS
Documento senza titolo
 
mercoledì 5 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il missionario 

 

 
#####
 
 
mercoledì 12 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
La religiosa 

 

 
#####
 
 
mercoledì 19 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il testimone

 

 
#####
 
 
mercoledì 26 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il pastore

 

 
#####
 

Documento senza titolo
###
###
###
Documento senza titolo
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER DI NICODEMO
Documento senza titolo
###
###
###
Documento senza titolo
DAI GIORNALI
Una laicità di nuovo tipo
###
La qualità della vita
###
Le disuguaglianze interpellano la giustizia
###
LA MESSA FESTIVA
Documento senza titolo
Messa rito Ambrosiano
Messa rito Romano
Omelia rito Ambrosiano
Omelia rito Romano
Sei il visitatore